Brividi e Polvere con Pelleossa
a cura di Alberto Zamprogno

25) Il fagiolo magico

In questo episodio, Pelleossa pare sia il responsabile di un lugubre ristorante di periferia. Tra i suoi fetidi clienti figura anche la solita strega, la quale viene inizialmente liquidata da una mostruosa creatura all’interno di un pentolone.

La storia in questione comincia nei pressi di una fitta e buia foresta ai piedi delle montagne, probabilmente nel Medioevo. I protagonisti sono due fratelli, Chuck e Melvin. Il primo è apparentemente un vanitoso nobile, tant’è che viaggia a cavallo; il secondo, invece, sembra sia il suo servo. I due decidono di superare la macabra foresta. Una volta riusciti, si recano da un misterioso commerciante senza testa, all’interno di una grotta. Qui acquistano un sacchetto di fagioli magici. Durante la notte la magia si avvera, creando una gigantesta pianta di fagioli tanto alta da superare le nubi in cielo. Chuck e Melvin salgono e si ritrovano di fronte ad un enorme castello. All’interno c’è un ciclope che sta dormendo. Ma l’attenzione dei fratelli ricade in una preziosissima arpa d’oro. Nel tentativo di rubarla, i due risvegliano il pericoloso padrone di casa, per poi dover fuggire anche da un gatto ed un topo enormi. Improvvisamente, dietro ad una porta, riappare il commerciante senza testa. Questo si trasforma in un orribile gigante di colore verde. Grazie ad un po’ di pepe inalato, i due protagonisti riescono a far esplodere il nemico. Tuttavia, i resti di quest’ultimo tornano in vita, creando tanti mostri verdi di minore dimensione. Chuck e Melvin riescono a scendere dalle nuvole giusto in tempo per non essere catturati, e con loro c’è anche il cavallo del primo, con in groppa l’arpa d’oro. Una volta tornati a terra, si accorgono che in realtà l’arpa non è d’oro. Chuck se ne va irritato, lasciando solo il fratello Melvin. Questo, però, si accorge che le corde dello strumento sono effettivamente d’oro, cosa che gli permetterà un futuro roseo.

Infine, Pelleossa si trova sempre nel ristorante, intento a lavare i piatti. Si scopre poi che la vecchia strega, invece di essere stata mangiata, è stata lei stessa a mangiare la creatura nel pentolone.

Curiosità
– la storia si ispira ad un famoso racconto per ragazzi.
– tra le cianfrusaglie presenti nella grotta del commerciante senza testa, figura anche un orsetto: è lo stesso dell’episodio “L’orsacchiotto fantasma”.

Annunci

Nessuna Risposta to “25) Il fagiolo magico”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: