Brividi e Polvere con Pelleossa
a cura di Alberto Zamprogno

20) La miniera stregata

Scenario western in apertura. Pelleossa sta cantando una simpatica canzone in un villaggio abbandonato nel bel mezzo del deserto, lui dice a Tombstone (Arizona, una delle rarissime informazioni sui luoghi nell’intero cartone animato). Arriva zio Tibia, e i due si sfidano a duello. A spuntarla è il secondo, che presenta la storia.

La vicenda è ambientata in un deserto con dei canyon, probabilmente dell’Arizona. L’auto di un trentenne, Dale, si ferma ad una stazione di servizio per fare benzina. Qui parla piacevolmente con la giovane addetta, dal cui dialogo si scopre che l’uomo è arrivato dalla città per cercare di portare a casa sua zia Melva, altrimenti troppo isolata in quel posto. La missione si conferma ardua già in partenza in quanto, giunto finalmente alla sua abitazione, la donna non ne vuole sapere. Uno dei motivi è dato dall’impossibilità di portare in città anche il suo vecchio cane, Buster. Ad un tratto si sente il rumore di una forte esplosione. Si scopre che un certo Nick ha deciso di aprire la vecchia miniera lì vicino. Il problema è che il luogo pare sia stregato. Zia Melva lo spiega bene in cucina mentre prepara uno stufato al nipote. Dal suo racconto si evince che 40 anni prima, mentre i minatori scavavano, si scoprirono ossa umane, poi strani rumori, quindi misteriose ombre e figure. Infine, gli abitanti iniziarono a sparire, finché la miniera non fu chiusa. Intanto giunge la notte, ed il cane Buster comincia ad abbaiare. Melva si allontana per cercarlo, ma scompare, mentre nella zona si ode un verso bestiale. Il nipote sale quindi in auto per cercare aiuto. Dopo qualche centinaia di metri, ritrova un’auto priva di conducente nel bel mezzo della strada; un’altra persona scomparsa. Dale decide di ritornare alla stazione di servizio. Vi entra, è buio. Qui viene aggredito dalla ragazza di prima (June?), la quale si ferma non appena scopre l’identità dell’uomo. Mentre pianificano il da farsi, si verifica una scossa, con conseguente crepa nel terreno, seguita dalla fuoriuscita di un gas verde. Sono effetti collaterali derivanti dalla miniera stregata, dove i due si recano poco dopo. Entrano con una torcia, ma incontrano delle spaventose bestie dal pelo bianco e con gli occhi rossi. Sembrano ormai intrappolati, ma la parete dietro a Dale cede, e successivamente si ritrova davanti un uomo dalla lunga barba bianca, decisamente trasandato. Il vecchio gli offre un piatto di vermi. Da qui si capisce che vive in quelle grotte da molti anni. Insieme a lui c’è anche il cane Buster. Si mettono in cammino, finché non arrivano nei pressi di una grande grotta, sul fondo della quale ci sono zia Melva e la ragazza attorniate dalle malefiche creature. I due uomini riescono a raggiungerle e a cacciare le bestie. Il gruppo si mette quindi in marcia per uno spericolato viaggio. A far strada è il vecchio, chiamato Slim, autore di diverse trappole che consente loro di rallentare i temibili animali. Si scopre che Slim, ex minatore, era il fidanzato di Melva, prima che fuggisse di casa. All’esterno è ormai giorno. Il gruppo riesce finalmente a ritrovare l’uscita, presso la quale c’è Nick, il proprietario della miniera, deciso a richiuderla. Tuttavia, Buster non è ancora uscito. Zia Melva cerca disperatamente di chiamarlo, finendo per rischiare di essere aggredita nuovamente dalle bestie. Ma, grazie ad un fischietto, il cane fa in tempo ad uscire. Non appena fatto crollare l’ingresso della miniera stregata, il vecchio Slim (vero nome: Devon) svela di avere ancora l’anello per il mancato matrimonio con Melva, facendosi perdonare per l’equivoco.

Curiosità
La scena in cui Dale cerca invano la zia Milva molto probabilmente si ispira al film “Tremors”. Oltre all’ambientazione desertica, spiccano (1) l’inquadratura della piccola abitazione dall’alto e (2) il particolare del cappello per terra (del vecchio Fred, nel film).

AREN’T YOU ITALIAN ? READ HERE !
“THE HAUNTED MINE”
Convinced that his Aunt Melva is too old and helpless to live on her own, a young city boy named Dale drives out to the “sticks” to retrieve her. He soon finds himself in the middle of bizarre turn of events when his aunt, her dog Buster, and everyone else in the town go missing. On his search to find them he ends up in the sealed Mines below the town where he finds a man who has lived there for forty years, dangerous creatures he must battle against to stay alive, and the answer to a half century old mystery of the Haunted Mines. When things look bleakest, Dale finds help in the most unexpected way, which changes his mind about the aged being helpless.

Questo episodio è stato non solo recensito, ma anche pubblicato da Albertosauro su YouTube: per vederlo clicca QUI (in attesa di attivazione).

Annunci

Nessuna Risposta to “20) La miniera stregata”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: