Brividi e Polvere con Pelleossa
a cura di Alberto Zamprogno

13) La nave fantasma

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 1 novembre 2012

È l’ora del tramonto. A casa sua, Pelleossa si trova immerso in una vasca riempita con un liquido marrone dall’aspetto putrido, pieno di sanguisughe e quant’altro. Con addosso un costume a righe bianche e rosse e con un cappello di carta in testa, Pelleossa non esita molto nel presentare la storia del giorno.

I protagonisti della vicenda sono degli adolescenti, Ben e Mike, entrambi surfisti. È una giornata solo parzialmente nuvolosa e si trovano su un molo, affianco al motoscafo del padre di Ben. Dopo qualche istante di esitazione, i due decidono di fare un giro in barca senza permesso. Tuttavia, a causa di un involontario impatto con uno scoglio affiorante, il mezzo comincia ad imbarcare acqua, inabissandosi del tutto in piena notte, in coincidenza di un plenilunio. Improvvisamente, nella zona sopraggiunge una fitta nebbia e, poco dopo, un misterioso veliero apparentemente abbandonato. In realtà, a bordo ci sono degli scheletri viventi molto aggressivi, pronti ad aggredire i ragazzi con delle spade. Dopo un lungo combattimento, il pavimento su cui poggiano Ben e Mike cede e si ritrovano in una stanza nella stiva. All’interno si trova pure il capitano della nave (il cui nome pare sia Barbarossa), uno scheletro senza una gamba, dotato di un grande cappello in testa e con una tipica benda nera su un occhio. Il capitano è solo a prima vista un nemico; in realtà, prima caccia via il suo equipaggio dalla porta, e poi instaura un dialogo con i protagonisti. Il nocciolo della questione è un antico tesoro seppellito in un’isola, e il Barbarossa vorrebbe l’aiuto di Ben e Mike. Questi ultimi, con in mano l’opportunità di arricchirsi e di riacquistare un motoscafo per il padre del primo, accettano la proposta firmando una sorta di contratto. Fatto ciò, insieme al capitano, abbandonano il veliero grazie ad una scialuppa di salvataggio, lasciando di stucco gli scheletri all’esterno. Giunti sulla spiaggia di una misteriosa isola con al centro una grande roccia a forma di cranio, Ben e Mike si accorgono che Barbarossa è scomparso, ma avanzano ugualmente. Prima di trovare la “X” (due palme incrociate tra loro) sotto cui dovrebbe trovarsi il tesoro, per i due ci sono diversi problemi da affrontare: da uno sciame di api inferocite ad un’enorme lucertola, passando per un serpente velenoso scambiato per fune durante un tentativo di arrampicata. Giunti finalmente alla “X”, dopo aver scavato, i ragazzi scoprono che all’interno della cassa c’è…il capitano! E con lui arrivano, dalla spiaggia, gli scheletri visti in precedenza. A quanto pare, Barbarossa li aveva raggirati, e la firma di quel contratto in realtà li avrebbe obbligati ad aggiungersi all’equipaggio della nave fantasma. Mike e Ben riescono comunque a fuggire con le loro tavole da surf. In mare vengono recuperati da una nave “normale” e si salvano. Tuttavia, per loro incombe una punizione da parte del padre di Ben: l’obbligo di lavorare come animatori in una piscina per bambini.

In conclusione, come di consueto, torna in scena Pelleossa (ancora nella vasca). Il contenuto del suo commento è una sorta di morale della favola, in cui afferma che i due ragazzi hanno peccato di avidità. Gli errori (in questo caso: i danni alla barca) vanno pagati di tasca propria (in questo caso: trovando un lavoretto) e non ricorrendo alle strade più corte (in questo caso: il tesoro sull’isola), che spesso sono invece le più insidiose…

Curiosità

– è il primo episodio che ho visto: ricordo ancora quel pomeriggio, forse di un giovedì (scusate la mia parentesi personale).

Annunci

Nessuna Risposta to “13) La nave fantasma”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: